Un mio vecchio appunto su quando e come sono diventato lobbista, in queste ore in cui – a proposito di Lupi, Incalza e compagnia – si torna a parlare a vanvera di “lobbies”. Il nostro è un mestiere serio e vero.

Non avrei dovuto fare il lobbista, nella vita. Nei suoi aspetti meno appariscenti – ma sostanziali – è giusto il mestiere che non fa per me: richiede capacità di studio e di approfondimento, determinazione, pazienza, tenacia. Doti mai possedute in abbondanza dal sottoscritto, meno che mai ora

Barca BossiUna notizia falsa sparata a tutta pagina. La successiva querela del diffamato. E ora l’archiviazione del caso. I giornali possono dire puttanate, è scritto nella sentenza. A seguire il soddisfatto pezzo del Corriere di stamattina, che non ha bisogno di commenti. Il legame perverso tra magistrati e media è scritto. Il perfetto funzionamento del processo mediatico fa rabbrividire, ma solo i pochi liberali d’Italia.