Nelle democrazie dell’alternanza si ricorre alle grandi coalizioni per due motivi.

Può accadere che nessuno degli schieramenti principali conquisti la maggioranza alle elezioni, per l’avanzare di terze forze o – più spesso negli ultimi tempi – di forze a vario titolo anti-sistema. In questo caso gli schieramenti principali si uniscono per un periodo, con l’obiettivo di fare rientrare proteste e opposizioni radicali, riformando e riammodernando il sistema, rendendolo più aperto e inclusivo.